Legge di Bilancio 2021, ecco le novità sul fisco immobiliare

Legge di Bilancio 2021 e Bonus casa (1)
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il settore immobiliare è stato uno dei comparti dell’economia italiana su cui la nuova Legge di Bilancio 2021 sembra essere intervenuto in misura più significativa, apportando le attese proroghe dei bonus precedentemente applicati, e introducendo alcune novità. Cerchiamo di distinguere le principali.

Tutti i bonus casa, dai vecchi ai nuovi

Il lungo elenco dei bonus casa in vigore nel nostro Paese e in scadenza il 31 dicembre 2020 è stato rinnovato in toto, con qualche piccola variazione.

Trovano così nuovo accoglimento la proroga dell’Ecobonus 110% e del Bonus Ristrutturazioni, per le persone che intendono effettuare delle ristrutturazioni edilizie degli immobili, e scaricare in dichiarazione dei redditi il 50% delle spese sostenute (anche per le parti comuni degli edifici condominiali).

Prorogato anche il Bonus Mobili, fino al 31 dicembre 2021, con l’innalzamento del tetto di spese fino a 16.000 euro, a patto che – come già in uso gli anni precedenti – l’immobile da arredare sia oggetto di lavori di ristrutturazione. Altresì confermato il Bonus sulla riqualificazione energetica, così come il Bonus Facciate, che permette ai contribuenti di poter usufruire di una detrazione del 90% per il rifacimento e per la messa a nuovo delle facciate esterne degli edifici esistenti (compresi i balconi).

Meno richiesto, ma non per questo marginale, è inoltre il Bonus Verde, che troverà applicazione fino alla fine dell’anno, con possibilità di detrarre il 36% di tutte le spese sostenute per i lavori di sistemazione degli edifici esistenti.

Piccola novità è poi rappresentata dal Bonus Idrico (già ribattezzato “Bonus Rubinetti”): si tratta di un incentivo fino a 1.000 euro per le famiglie e fino a 5.000 euro per i pubblici esercizi, che desiderano sostituire rubinetti e altri elementi di distribuzione dell’acqua, per poter garantire un migliore risparmio di questa risorsa idrica.

Gli affitti

Qualche novità, non certo inattesa, riguarda altresì gli affitti. In particolare, la Legge di Bilancio 2021 ammette la cedolare secca sulle locazioni brevi solamente per l’affitto di un massimo di quattro immobili: un numero superiore a questo cap potrebbe infatti configurare l’attività come una iniziativa di impresa. Prorogato poi al 30 aprile 2021 il credito di imposta del 60% sulle locazioni degli immobili a uso non abitativo, introdotto con il decreto Rilancio.

Infine, qualche cenno conclusivo sul Bonus Affitto per gli studenti fuori sede, che sarà erogato tramite le Università, a sostegno degli studenti che sono iscritti ad atenei statali e che devono pagare un alloggio per la frequenza delle lezioni.

Per poter ottenere validamente il bonus lo studente:

  • deve avere un Isee non superiore a 20.000 euro;
  • non deve usufruire di altri contributi pubblici per l’alloggio;
  • deve risiedere in un luogo diverso da quello dell’immobile in affitto per il quale si richiede il bonus.

Con tale iniziativa, il governo cerca dunque di sostenere le esigenze economiche di quelle famiglie che hanno necessità di conciliare le esigenze di studio del giovane con le disponibilità finanziarie, alleggerendo una parte spesso considerevole dell’investimento per la formazione accademica.

Seguici

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •